Definito da Luigi Veronelli il “Grappaiolo Angelico”, le sue grappe sono state giudicate ruvide, schiette, fortemente ancorate alla tradizione contadina, senza concessioni alle morbidezze di stampo modernista. Romano Levi ha disegnato l’ultima etichetta la sera del 1 maggio 2008.